Parole ombra – chi sono, in tre versioni

chi sono: versione poetica

Chi sono: versione poetica

Chi sono? Bella domanda.

Tempo fa mi sono trovata a fare un sogno strano.

La realtà circostante mi appariva ricca di colori, luminosa, vivida e splendida ma le sensazioni provate non erano positive. Guardando con attenzione il punto in cui mi trovavo ho realizzato che ero immersa nel buio, temevo di assorbire le luci e i colori che mi si offrivano e di trasportarle nel mio personale cono d’ombra. Invece di fare un passo verso l’esterno e far parte di esso temevo di annullarlo, imprigionandolo all’interno.

Non era quello che volevo e per questo ho deciso di aprire questo blog personale. Voglio che le cose che vedo e percepisco escano dal loro guscio, che si dissolvano per trasformarsi in luce e colori.

ParoleOmbra nasce dal bisogno di dare senso e ordine alle mie idee e alle riflessioni per trovare un filo conduttore che mi guidi nella ricerca delle mia identità e delle mie competenze e, se possibile, aiutare anche gli altri a farlo.

Il mio è un viaggio di ricerca, di valori e di utilità. I miei punti di riferimento sono i libri e i particolari che attraggono la mia curiosità. Avvalendomi della scrittura cerco di fissarli e di annotare le emozioni che da essi derivano. È un work in progress che voglio condividere con te, per crescere assieme, per ritagliarci un angolo di sogni.

Parole Ombra - Chi sono

 

ParoleOmbra è un percorso. L’ho intrapreso per definire chi sono. Nel frattempo, posso dirti che cosa mi identifica. Mi chiamo Rita Fortunato, sono nata nel 1984 e dall’Istituto d’Arte sono passata alla Facoltà di Lettere e Filosofia di Udine per poi entrare nel mercato del lavoro come commessa di libreria, cameriera e raccoglitrice di mele.

Alla fine sono approdata nel mondo del web writing collaborando con Diario di Pensieri PersiSfizio Serie tvPalestra Writer realtà virtuali che mi hanno dato tanto e che mi hanno spronata ad uscire dall’ombra e a fondare questo spazio personale che, contro ogni aspettativa, ha compiuto un anno di attività online.

Tuttora, non saprei dirti fin dove mi porterà questo progetto, né se ci sarà mai un punto di arrivo. L’ importante è cominciare, no?

Scrivania di paroleombra.com

Chi sono: versione professionale (o quasi)

Come per tutti, la definizione di una persona in ambito lavorativo parte dai suoi studi e dalle esperienze pregresse. Ordinati per punti, costituiscono il Curriculum Vitae nel senso tradizionale del termine.

Secondo il web e con la fondazione di ParoleOmbra rientro nelle categorie professionali del:

  • Blogger,
  • Web Writer,
  • Recensore e
  • Community Manager

Il tutto in modo molto freelance.

Secondo le pagine di questo blog ospito:

  • i Curriculum Del Lettore di chi ha avuto la pazienza di leggermi, di consigliarmi nuove letture e condividere la sua personale esperienza in una (o tutte) le categorie sulle quali sto basando la mia personale formazione professionale.

e scrivo:

  • Recensioni in libertà delle letture che compongono la mia babelica torre di libri da leggere, gli scaffali (secondo me esigui) dei libri letti e di quelle che, al momento sono ancora un titolo e un autore elencati nella infinita lista dei libri ancora da comprare.
  • Racconti e componimenti vari. Esperimenti motivati dalla pagina Scrittura Creativa e che raccolgo all’interno di un generico hashtag #UnoScrittoAlMese poi evolutosi nella rubrica #PausaRacconto.
  • Riflessioni generiche, tutte accorpate secondo l’ancor più generica pagina intitolata Tema Libero. Farla rientrare nella Scrittura Professionale mi sembrava e, mi pare tuttora, eccessivo.

Secondo la realtà fisica e reale sono stata:

  • apprendista in una libreria,
  • studente collaboratore nella biblioteca Umanistica della Facoltà di Lettere e Filosofia di Udine. Luogo in cui ho conseguito la laurea triennale in Lettere e Filosofia (100/110) e la Magistrale in Scienze del Testo e del Libro (108/110).
  • Lavoratrice stagionale nel settore alimentare (commessa di supermercato, per farla semplice) e della ristorazione (chi non ha mai fatto il cameriere in un bar alzi la mano).

Attualmente, faccio felicemente parte (per la verità, non sempre e non proprio felicemente) della categoria dei lavoratori a chiamata e quindi precari.

Nonostante tutto, non mi lamento. Forse in questo modo do un senso al famoso detto:

“Impara l’arte e mettila da parte”.

Da parte non ho messo nulla, ma sono ancora in modalità impara l’arte.

Caffè nero

Chi sono: versione breve, brevissima. Una bio, in pratica

Classe 1984, diploma in Grafica Pubblicitaria e Fotografia, laurea in Lettere. Blogger di ParoleOmbra. Da sempre attratta dai libri e dall’arte della scrittura, passo il tempo a leggere e a scrivere e a rileggere e riscrivere. Qualsiasi cosa.

Sei arrivato fino alla fine di questa presentazione? Allora non posso fare altro che ringraziarti offrendoti un simbolico caffè mentre parliamo di cosa faccio attraverso questo spazio web. 🙂

 

40 Comments

  • Reply Parola chiave: s-blog-garsi | Palestra Writer 24 marzo 2015 at 9:22

    […] con l’ormai celebre #vorreiprendereiltreno, l’altra con il fresco (e profumato) paroleombra. Caparbietà, passione e volontà ripagano sempre (e ci conducono a braccetto al punto di cui […]

  • Reply AUTENTIKA Scrittura Professionale di Barbara Zippo 24 aprile 2015 at 14:48

    Brava. Comprendo e silenziosamente partecipo.

  • Reply Rita Fortunato 24 aprile 2015 at 16:24

    Grazie Barbara però anche il silenzio ha un suono che merita di essere ascoltato.

  • Reply Diari dal sottosuolo, leggere fa bene | paroleombra 3 giugno 2015 at 9:34

    […] Parole ombra […]

  • Reply briciolesparsediunanimaalsole 17 agosto 2015 at 12:13

    Cara, grazie a Scrivere al femminile ti conosco oggi… molto intricata dall’ hashtag Curriculum del lettore e provvederò al più presto! Comincio a seguirti con interesse e spero tu voglia fare altrettanto se gradirai il mio blog… passa a trovarmi!

    • Reply Rita Fortunato 17 agosto 2015 at 14:38

      Ciao cara, ti seguirò volentieri, è sempre bello conoscere nuovi lettori con cui conversare. 🙂

  • Reply briciolesparsediunanimaalsole 17 agosto 2015 at 12:13

    Errata corrige: intrigata, insidie del t9!😁

    • Reply Rita Fortunato 17 agosto 2015 at 14:39

      Succede. Non ti preoccupare, io me la prendo con la tastiera! 😛

  • Reply Pordenonelegge: le emozioni del festival letterario 12 ottobre 2015 at 6:03

    […] un’intera settimana ho raccontato sul mio blog personale dettagliatamente e puntigliosamente, di ogni incontro al quale ho partecipato come ammirata […]

  • Reply Mistral: il vento, il libro e la poetessa | paroleombra 3 novembre 2015 at 9:02

    […] Parole ombra – chi sono […]

  • Reply 2016: i buoni propositi di un blog personale | paroleombra 4 gennaio 2016 at 7:48

    […] Parole ombra – chi sono […]

  • Reply Cosa vuoi fare da grande? – paroleombra 17 gennaio 2016 at 22:16

    […] Parole ombra – chi sono […]

  • Reply Rita Fortunato: c'è sempre qualcuno pronto a darti una mano. 24 gennaio 2016 at 14:12

    […] per #liabbiamoaiutaticosì, vi presento Rita Fortunato, con due racconti, brevi ma significativi. La sua sensibilità è grandissima e scaturisce da […]

  • Reply #CurriculumDelLettore, un gennaio professionale – paroleombra 27 gennaio 2016 at 8:46

    […] Parole ombra – chi sono […]

  • Reply La scoperta di Canva e piccoli esperimenti – paroleombra 29 gennaio 2016 at 20:55

    […] Parole ombra – chi sono […]

  • Reply Il mio #CurriculumDelLettore, parte seconda - emma frignani 5 febbraio 2016 at 11:12

    […] che mi consenta di assaporare ogni sensazione (assicuro che questo esercizio, proposto dalla cara Rita, mi ha permesso di aprire un insospettato vaso di Emma) e di gustarne il retrogusto fino […]

  • Reply Luce Punti 5 febbraio 2016 at 12:54

    Buon Viaggio ParoleOmbra!

  • Reply #CurriculumDelLettore di Giovanni Amato (blogger e scrittore di talento) – paroleombra 17 febbraio 2016 at 7:46

    […] Parole ombra – chi sono […]

  • Reply #CurriculumDelLettore, il trio di febbraio – paroleombra 24 febbraio 2016 at 8:14

    […] Parole ombra – chi sono […]

  • Reply Paroleombra ha compiuto un anno! E ora? – paroleombra 9 marzo 2016 at 8:32

    […] Parole ombra – chi sono […]

  • Reply Blogging: nuovo anno, nuovi post. Da dove cominciare? – paroleombra 14 marzo 2016 at 8:01

    […] Parole ombra – chi sono […]

  • Reply Lavorare in libreria: gioie e dolori – paroleombra 21 marzo 2016 at 7:40

    […] Parole ombra – chi sono […]

  • Reply #ScrittoAlMese: seconda raccolta e fine di una rubrica – paroleombra 31 marzo 2016 at 6:32

    […] Parole ombra – chi sono […]

  • Reply #Adotta1bloggerday: 10 maggio 2016, ParoleOmbra c’è! – paroleombra 10 maggio 2016 at 6:32

    […] Parole ombra – chi sono […]

  • Reply #Leggere On Writing di Stephen King (finalmente) – paroleombra 2 settembre 2016 at 6:29

    […] quando ho aperto Parole Ombra sono diventata via via più cosciente di quando mi piaccia scrivere. Tuttavia è un lavoro […]

  • Reply #DigiTalkRadio: cosa ascolta il nerd Flavius Florin Harabor – paroleombra 13 settembre 2016 at 6:30

    […] a tutti voi, lettori e amici di ParoleOmbra! Sono felice di far parte di questa bellissima iniziativa che si intitola […]

  • Reply Pagine al blog: la differenza tra chi sono e cosa faccio – paroleombra 26 settembre 2016 at 7:30

    […] Parole ombra – chi sono […]

  • Reply martinagregoris 13 novembre 2016 at 9:47

    eccomi qui Rita… inizio oggi a leggere un po’ di te, grazie per l’ispirazione che sei e che trasmetti attraverso le tue parole. Buona domenica!

    • Reply Rita Fortunato 14 novembre 2016 at 8:30

      Ciao Martina e grazie per il tuo commento. Benvenuta! :*

  • Reply Il blog come identità: intervista a Rita Fortunato | punto di domanda 21 dicembre 2016 at 10:35

    […] come vivo il presente e quali sono gli obiettivi futuri segnalandoti le pagine del mio blog, Chi sono e Cosa faccio  ma il chi è veramente Rita Fortunato, non lo saprò mai del tutto. L’identità […]

  • Reply Curriculum del lettore e bilancio finale, tra intoppi e novità – paroleombra 29 gennaio 2017 at 23:07

    […] Ed eccoci all’ultimo mercoledì del mese canonicamente riservato alla raccolta dei Curriculum del lettore spediti a paroleombra. […]

  • Reply Curriculum del lettore: arriva la food blogger e digital strategist Monia Taglienti! – paroleombra 6 febbraio 2017 at 22:57

    […] Rita e grazie di avermi ospitata nel tuo splendido Blog, per chi non mi conoscesse, sono Monia Taglienti e mi occupo di social media e comunicazione […]

  • Reply Curriculum del lettore: il trio di febbraio 2016 – paroleombra 26 febbraio 2017 at 19:18

    […] a ricordarti il terzetto di Curriculum del lettore che ha arricchito i contenuti le pagine di paroleombra con le loro letture e la loro personale formazione […]

  • Reply Curriculum del lettore di Giovanni Amato: blogger e scrittore di talento – paroleombra 26 febbraio 2017 at 19:21

    […] ti consiglio di rimediare quanto prima. Magari potresti aggiungere un pezzo al mosaico sociale che paroleombra sta pian piano […]

  • Reply Pausa racconto: in viaggio con un paio di scarpe Prada, quarta e ultima parte – paroleombra 26 febbraio 2017 at 23:13

    […] scopri ora questa sezione di ParoleOmbra, ti lascio, in sequenza, le puntate […]

  • Reply L'abito da sposa che vorrei. Rita Fortunato immagina per noi. | Ateleba Sposa di Elena Barba 29 marzo 2017 at 18:26

    […] Rita Fortunato è una #socialgirl ed è nel gruppo che la ho conosciuta. […]

  • Reply #DigiTalkRadio: cosa ascolta il nerd Flavius Florin Harabor – ParoleOmbra 31 marzo 2017 at 14:06

    […] a tutti voi, lettori e amici di ParoleOmbra! Sono felice di far parte di questa bellissima iniziativa che si intitola […]

  • Leave a Reply