Browsing Category

Recensioni

eventi Recensioni

Cara lettura, come stai? Il dialogo in apertura a La notte dei lettori

15 giugno 2018
Cara lettura, come stai? Il dialogo in apertura a La notte dei lettori

Gli appassionati lettori trascorrono la maggior parte del tempo a interrogarsi su quale sarà il prossimo libro da leggere, gli editori su quali titoli e autori puntare di più per soddisfare i loro lettori e i librai ad aggiornarsi per proporre la storia più avvincente o convincente.

Si tratta di un continuo gioco di domande e risposte per alimentare e tener vivo il bisogno o il desiderio di instaurare un dialogo che vada al di là del semplice intrattenimento dove tutti, in un modo o nell’altro, ne escono arricchiti o ispirati.

Selezionare, consigliare e leggere i libri richiede tempo e riflessione, cose che con i moderni mezzi di comunicazione non è semplice da mettere in atto ma che è possibile se, come è accaduto al convegno di apertura de La notte dei lettori, ci si domanda:

“Cara lettura, come stai?”

Continue Reading

eventi Recensioni

Parole Ostili, seconda edizione: seguendo le parole e la similitudine del ponte

11 giugno 2018
Parole Ostili: seguendo le parole e la similitudine del ponte

Apro Facebook, scorro le notifiche. Una cara amica mi tagga per propormi di andare alla presentazione di un libro di racconti pubblicato da Parole Ostili e curato da Loredana Lipperini.

Sono curiosa ma l’amica si rende conto che non può.

Passa qualche giorno e la stessa amica mi segnala il link che rimanda al programma dell’evento scrivendo che dovevo andarci assolutamente, anche da sola, perché sentiva che mi sarebbe stato molto utile per chiarirmi le idee o sciogliere dei dubbi.

Il 7 giugno l’ho trascorso a Trieste, seguendo le parole e la similitudine del ponte di Parole Ostili.

Oggi ti racconto un po’ com’è andata, vieni a leggere?
Continue Reading

libri Recensioni

Elogio della letteratura di Zygmunt Bauman e Riccardo Mazzeo: discorso sulla relazione tra letteratura e sociologia

4 giugno 2018
Elogio della letteratura di Zygmunt Bauman e Riccardo Mazzeo: discorso sulla relazione tra letteratura e sociologia

Elogio della letteratura di Zygmunt Bauman e Riccardo Mazzeo è una delle letture più complesse, articolate e affascinanti che abbia mai affrontato perché:

  • affronta la relazione tra letteratura e sociologia,
  • si interroga sulle modalità con le quali le due discipline dialogano fra loro,
  • riflette sulla condizione umana e su come sta affrontando i cambiamenti contemporanei e
  • cerca di definire i bisogni, il senso e il destino dell’umanità.

Elogio della letteratura è una sfida di lettura. Scriverne per comprendere se non tutti, almeno parte degli insegnamenti da cogliere, per esplorare il discorso sviluppato da Bauman e Mazzeo, è stata una prova faticosa ma decisamente stimolante.

Avrò inteso quanto basta per convincerti a leggere Elogio della letteratura?
Continue Reading

#CurriculumDelLettore libri

Curriculum del Lettore d’autore: libri e letture di maggio

30 maggio 2018
Curriculum del Lettore d'autore: libri e letture di maggio

Il mese di maggio il Curriculum Del Lettore ha lasciato spazio agli autori e a come le loro letture hanno influenzato la loro attività di scrittura suggerendo nuovi libri e classici intramontabili.

In occasione de Il maggio dei libri, oltre a una carrellata dei Curriculum Del Lettore d’autore ho pensato di raccogliere, oltre ai libri letti e recensiti, anche quelle letture che ho acquistato man mano che le settimane volavano e che mi piacerebbe leggere entro alla fine dell’anno.

Vieni a sbirciare tra i vari spunti di lettura e di scrittura raccolti?
Continue Reading

libri Recensioni

Guida galattica per gli autostoppisti di Douglas Adams: impressioni fondamentalmente innocue

25 maggio 2018
Guida galattica per gli autostoppisti di Douglas Adams: impressioni fondamentalmente innocue

Guida galattica per gli autostoppisti di Douglas Adams è un salto in avanti rispetto al viaggio iniziato questa settimana, dalla visita alla mostra di Rodin a Treviso al Curriculum Del Lettore di Ileana De Pasco.

Un salto in avanti che però inizia più indietro nel tempo, quando era ancora inverno e solo oggi, Guida galattica per gli autostoppisti, trova spazio per una consultazione più approfondita.

Che dici, proseguiamo il viaggio e valutiamo insieme se sono da fare degli aggiornamenti in corso di lettura?
Continue Reading

luoghi Recensioni

A Treviso per Rodin: un sabato tra arte e letteratura

21 maggio 2018
Rodin a Treviso: opere e corrispondenze letterarie in mostra

Era dal mese di aprile che volevo andare a Treviso per visitare la mostra dedicata allo scultore Auguste Rodin e, sabato scorso, ho realizzato questo desiderio.

Mi sembrava una buona opportunità per svagarsi, raccogliere materiale da cui trarre ispirazione, sperimentare nuove e possibili corrispondenze tra il fare e il pensare, tra arte e letteratura.

Visitare una mostra d’arte di tanto in tanto è un po’ come prendersi del tempo e passeggiare in uno spazio allestito secondo un discorso che tocca altri mondi, linguaggi e dimensioni. Se poi è dedicata ad un artista che hai studiato e apprezzato è un ottimo modo per fare un ripasso e cercar di capire quali soluzioni ha adottato per affrontare un dubbio, una consapevolezza, un tarlo esistenziale.

Mi fai compagnia leggendomi?
Continue Reading

film Recensioni

Molly’s Game, la storia vera della principessa del poker: film da vedere perché

14 maggio 2018
Molly's Game, la storia vera della principessa del poker: film da vedere perché

Molly’s Game è uno degli ultimi film che sono andata a vedere.

Colpita dal trailer di presentazione, mi affascinava la storia vera di una donna, diventata la principessa del poker, che ha costruito un impero da milioni di dollari sfruttando i punti forti, le debolezze e le dinamiche di un gioco tendenzialmente maschile.

Ne sono rimasta folgorata. Ancora adesso, a distanza di settimane dalla visione, ci torno spesso con la memoria e, inoltre, mi ha suggerito un nuovo libro da leggere.

Vieni a scoprire i motivi del perché Molly’s Game è un film da vedere e, naturalmente, a quale libro mi riferisco?
Continue Reading

libri Recensioni

Il tempo dentro di noi di Stefano Galardini: storia di scommesse e di amicizia

11 maggio 2018
Il tempo dentro di noi di Stefano Galardini: storia di scommesse e di amicizia

Il tempo dentro di noi di Stefano Galardini chiude una settimana iniziata con l’intervista alla Convalle Edizioni e il Curriculum Del Lettore dell’autore del libro di oggi.

I motivi che mi portano a recensire, su questo blog, Il tempo dentro di noi sono diversi.

Ho scelto di leggerlo perché mi ha colpita la gentilezza e la cura che Stefano Galardini ha usato nel contattarmi via mail perché (cosa avvenuta anche con Alessandro Pagani) alla mail era allegata una scheda lettura che mi ha permesso di avere un’idea più ampia della proposta.

Un’idea che nasce come scommessa e racconta la storia di un’amicizia tra uomo e donna. Le premesse di Il tempo dentro di noi sembravano interessanti, non restava altro che approfondire, leggendo.

Sfogliamo insieme qualche pagina?
Continue Reading

libri Recensioni

Il gabbiano Jonathan Livingston di Richard Bach e la paura di imparare

4 maggio 2018
Il gabbiano Jonathan Livingston di Richard Bach e la paura di imparare

Il gabbiano Jonathan Livingston di Richard Bach è il libro scelto per questa settimana e che, leggendo in giro, risulta uno dei libri che hanno segnato intere generazioni.

Questa certezza, legata a un libro la cui storia assume le forme di un simbolo, un segno da seguire per determinare sé stessi e attingere alla ricchezza dell’esistenza, mi ha incuriosito portandomi a rileggerlo e oggi cerco di comprendere cosa mi ha colpito di più nelle parole scritte da Richard Bach.

Proviamo a volarci sopra?
Continue Reading

film Recensioni

The Happy Prince, l’ultimo ritratto di Oscar Wilde: riflessioni in corso di visione

27 aprile 2018
The Happy Prince, l'ultimo ritratto di Oscar Wilde: riflessioni in corso di visione

The Happy Prince: l’ultimo ritratto di Oscar Wilde è un film che sono andata a vedere al cinema, in una domenica così così e niente affatto baciata dal sole.

A guardare la programmazione il film diretto e sceneggiato da Rupert Everett era l’unico che mi ispirasse davvero; sia per il soggetto (Oscar Wilde si presta bene in ogni prodotto culturale e/o d’intrattenimento) sia per il cast, presente anche ne L’importanza di chiamarsi Ernesto, simpatica commedia del poliedrico scrittore e dandy irlandese, adattata per il grande schermo nel 2002 da Oliver Parker.

C’erano altri film interessanti da vedere ma ormai avevo deciso per The Happy Prince: l’ultimo ritratto del mio (e probabilmente anche tuo) scrittore preferito.

Vieni a scoprire che impressioni mi ha dato?
Continue Reading