Browsing Category

Recensioni

libri Recensioni

Sirene di Elisabetta Moro: un saggio sul mito dall’antichità ad oggi

30 Marzo 2020
Sirene, la seduzione dall'antichità ad oggi di Elisabetta Moro

Presentato a PordenoneLegge 2019, Sirene è un saggio edito Il mulino con il quale l’antropologa culturale Elisabetta Moro mette insieme i suoi studi e le sue ricerche sul mito e sulla seduzione che esso ha esercitato ed esercita dall’antichità ad oggi.

“Il canto delle sirene ci seduce come la voce dell’amante natura che sembra volerci parlare, per poi voltarci le spalle incompresa. E tornare a inabissarsi nel suo mistero”.

Sempre uguali e sempre diverse, il canto delle Sirene ispira dunque l’ultima lettura di un mese dedicato alle voci femminili e al loro modo di narrare la realtà, i suoi cambiamenti e le sue contraddizioni.
Continue Reading

libri Recensioni

Una stanza tutta per sé e Gita al faro: leggendo Virginia Woolf

27 Marzo 2020
Una stanza tutta per sé e Gita al faro: le sfumature di Virginia Woolf

Questo venerdì avrei voluto parlare di Cercando Virginia, il nuovo romanzo di Elisabetta Bricca.

Un desiderio di lettrice rimandato e che, nell’attesa di realizzarlo, ha trovato un’alternativa leggendo Una stanza tutta per sé e rileggendo Gita al faro. Un saggio e un romanzo sono già qualcosa per prepararsi a una narrazione che ha concentrato l’attenzione su Virginia Woolf, musa letteraria e ideale di femminismo, per portarla al di fuori dei circoli accademici che ne celebrano, a ragione, le opere e l’intelletto creativo.
Continue Reading

libri Recensioni

La strada che va in città di Natalia Ginzburg: letteratura ed esordi del passato

23 Marzo 2020
La strada che va in città di Natalia Ginzburg: letteratura ed esordi del passato

La strada che va in città è il romanzo breve con il quale Natalia Ginzburg esordì in letteratura.

Indicato da Cesare Garboli come un’opera aspra e pungente e, forse per questo uno dei libri più belli dell’autrice, mi incuriosiva leggerlo. Come se il suggerimento del critico letterario mi avesse convinta a tornare un momento indietro e vedere i punti di partenza che hanno condotto poi all’opera più celebre di Natalia Ginzburg, Lessico famigliare. Romanzo che mi piacque molto ma del quale, purtroppo, conservo vaga memoria.
Continue Reading

libri Recensioni

Paradisi minori di Megan Mayhew Bergman: alcuni frammenti contemplati

20 Marzo 2020
Paradisi minori di Megan Mayhew Bergman: frammenti da leggere con cura

Paradisi minori di Megan Mayhew Bergman è il secondo titolo NN editore di questa settimana.

Un libro che mi è stato suggerito dalle pagine bianche di Tempo variabile di Jenny Offill e che volevo leggere da quando, a Tempo di Libri, riposi i miei acquisti in una borsa con una sua citazione stampata sopra.

Una curiosità di lettura che mi è rimasta impressa e che, per fortuna, ho avuto modo di cogliere per fare una passeggiata narrativa dai quali traggo alcune considerazioni sui frammenti contemplati.
Continue Reading

libri Recensioni

Tempo variabile di Jenny Offill: un romanzo particolare

16 Marzo 2020
Tempo variabile di Jenny Offill: varianti di lettura per distrarsi un po’

Uscito il 12 marzo, Tempo variabile di Jenny Offill edito NN Editore è un romanzo molto particolare.

Diverso da Le cose che restano, ha un andamento narrativo frammentato e sincopato che, se all’inizio spiazza e disorienta, alla fine rivela un ordine interno che affascina per metafore, battute e atmosfere.

Per quanto semplice nella trama e prosastico nella forma, Tempo variabile ha una struttura che ricorda il libro di poesie con qualche accenno di haiku e, forse, è proprio questa la peculiarità che lo rende una lettura decisamente singolare.
Continue Reading

libri Recensioni

Menzogna e sortilegio di Elsa Morante: le condizioni del romanzo moderno

13 Marzo 2020
Menzogna e sortilegio di Elsa Morante: le condizioni del romanzo moderno

Romanzo d’esordio di Elsa Morante nel 1948, Menzogna e sortilegio s’impose sul panorama letterario dell’epoca presentandosi immediatamente come:

“un’opera di grande modernità”

Primo in ordine di scrittura, Menzogna e sortilegio è il terzo romanzo che, in ordine di lettura, ho scelto per seguire in che modo Elsa Morante dettò, con la voce e il linguaggio che la caratterizzano, le condizioni del romanzo moderno.
Continue Reading

libri Recensioni

L’ora di Agathe di Anne Cathrine Bomann: lettura sentimentale?

9 Marzo 2020
L’ora di Agathe di Anne Cathrine Bomann, Iperborea

L’ora di Agathe di Anne Cathrine Bomann edito Iperborea è un libro che si legge in poco meno di una giornata grazie allo stile di scrittura secco e concreto, senza tanti fronzoli, che lo contraddistingue.

La copertina, con i suoi toni freddi e distanti, lascia presagire una storia in cui i sentimenti non sono vissuti ma studiati con contenuta indifferenza.

La trama, invece, si sviluppa in modo diverso tanto da far pensare di aver indugiato in lettura sentimentale dal quale è possibile trarre, con il dovuto distacco, delle benefiche conclusioni.
Continue Reading

libri Recensioni

I testamenti di Margaret Atwood: fine di una distopia?

28 Febbraio 2020
I testamenti di Margaret Atwood: riprendendo i fili della narrazione distopica

I testamenti di Margaret Atwood chiude un percorso narrativo iniziato negli anni ‘80 con Il racconto dell’ancella e chiarisce quei passaggi della storia che rimanevano oscuri rendendo di difficile decifrazione la struttura distopica del romanzo.

Cosa accadde all’ancella dopo la sua rocambolesca fuga da Gilead?
Come e chi ha contribuito a rendere concreta e reale la subordinazione del femminile alla gerarchia e alla struttura sociale narrata dalla Atwood?
E, infine, qual è il ruolo ultimo della donna per portare a compimento la fine di una distopia?
Continue Reading

libri Recensioni

Martin Eden, Jack London: tornare ai cari, vecchi classici

24 Febbraio 2020
Martin Eden di Jack London: l’evoluzione di uno scrittore

Martin Eden è il romanzo che mi è stato suggerito per leggere qualcosa di realmente piacevole, capace di dare a intelletto, anima e cuore un momento di leggerezza e armonia.

Diversi erano i titoli validi per questo obiettivo di lettura e la firma di Jack London mi sembrava un elemento rassicurante e degno di fiducia per cogliere l’occasione e tornare ai cari, vecchi classici.

Per leggere qualcosa di sinceramente bello…
Continue Reading

libri Recensioni

L’isola del dottor Moreau, Herbert George Wells: effetti di lettura

21 Febbraio 2020
L’isola del dottor Moreau, H.G. Wells: trama e impressioni post lettura

L’isola del dottor Moreau di Herbert George Wells è, al pari dei Tre moschettieri di Dumas, un prodotto culturale che ha trovato fruibilità nel mondo cinematografico e televisivo.

Iscritto al filone letterario del gotico, dell’horror e della fantascienza è un capolavoro dalla cui trama è stato tratto un film di successo (per il pubblico, un po’ meno per la critica) negli anni Settanta per la presenza, nel cast, di Burt Lancaster. Questo è quanto si evince dalla copertina del libro della settimana.

Copertina e bollino di qualità a parte, che effetto fa leggere L’isola del dottor Moreau di H.G. Wells?
Continue Reading

error: Content is protected !!