libri Recensioni

Fare blogging: guida al calendario editoriale di Riccardo Esposito

20 luglio 2015

Eccomi qua, è lunedì e, per scrivere il post che leggerai ora, mi sono alzata alle 16:00 di sabato 18 luglio.

Ok, scherzavo. Intendevo dire che nel fine settimana ho finito di leggere Fare blogging. Il mio metodo per scrivere contenuti vincenti di Riccardo Esposito, pubblicato da Flaccovio Editore. Seguendo i suoi consigli ho cercato di prendermi in anticipo, così, da sentirmi organizzata.

Tuttavia, nel recensire questo libro, ho avuto qualche intoppo al quale però spero di aver posto rimedio.

Riccardo Esposito_il Fare blogging di My Social Web

Fare blogging, il mio metodo per recensire il libro di Riccardo Esposito

Una cosa è recensire dei romanzi o qualsiasi genere letterario, un’altra è esprimere un pensiero su un manuale con un tema specifico scritto da un professionista come Riccardo Esposito. Cosa aggiungere se non che è un testo utile per chi, come me, si è affacciata da poco al mondo del blogging.

Per aiutarmi, ho riletto la recensione che feci di Keep Calm and Write e, ripensando a uno dei giochi proposti dalla settimana enigmistica, l’ho confrontato con Fare Blogging per trovare le differenze.

In primo luogo, se Keep Calm and Write raccoglie una serie di dati e siti dai quali prendere spunto per cominciare a scrivere, Fare Blogging si concentra di più su come organizzare i contenuti scritti. Già dalle prime battute, infatti, Esposito illustra le basi fondamentali per creare un calendario editoriale.

Come non esiste il post perfetto, anche per quanto riguarda la stesura di una strategia contenutistica non si hanno regole ferree perché, il blog è sempre in eterno movimento. Un’evoluzione continua che obbliga il blogger a dar fondo a tutte le sue risorse di elasticità mentale ma, allo stesso tempo, rende necessario seguire un metodo per non andare in esaurimento.

Quindi, ecco spiegato il mio attacco iniziale. Sabato ho cominciato a scrivere questo post affinché risultasse pronto per oggi. Nella mia mente ho cercato di visualizzare una sorta di calendario editoriale in modo tale da avere il tempo sufficiente per valutare come stendere il post del mercoledì.

Non sempre mi riesce di anticipare i tempi, il processo di lettura di un libro e la sua recensione è complesso e decisamente articolato. Ci vuole un lasso temporale maggiore rispetto alla stesura di un contenuto generico su un qualsiasi altro argomento e non è semplice armonizzare un post letterario con la velocità informativa offerta e richiesta dal web.

Al tempo impiegato per recensire un libro si aggiunge anche il tempo trascorso sui social a condividere un il pensiero tramutato in forma scritta, lo spiega molto bene Francesco Ambrosino in Cosa succede dopo aver pubblicato un post  e le conversazioni che da esso dovrebbero scaturire.

In parole povere, stendere un calendario editoriale di un blog è un terno al lotto e in Fare Blogging, Riccardo Esposito dice che:

«C’è sempre un nuovo obiettivo da toccare e per molte persone l’indeterminazione è un peso insostenibile».

Capito perché per me risulta così difficile recensire questo libro? Perché mette in campo, senza tanti fronzoli, tutto il lavoro che sta alla base di un blog scardinando, punto per punto, il pensiero di chi pensa che non ci voglia molto per aprirlo e mettere qualche parola in fila.

 

Fare blogging_recensione del libro di Riccardo Esposito

Fare blogging e Keep Calm and Write, trova le differenze

In Keep Calm and Write e Fare Blogging non ci sono grandi differenze ma, se il primo è ottimo per cominciare, il secondo è valido per approfondire. Entrambi possono essere consultati per i motivi più diversi.

Tuttavia vi sono tre aspetti rilevati in Fare blogging e che sono non sono presenti, se non in modo velato, in Keep Calm and Write e sono:

  • L’uso delle citazioni a inizio di quasi tutti i capitoli e argomenti trattati. Per Riccardo Esposito sono strumenti ideali per sviluppare un argomento perché:

«Il blogging è comunicazione di conoscenze».

Tre parole chiave, blogging, comunicazione e conoscenze. Chiaro, semplice ed esaustivo. Ad ispirare questa affermazione ve ne è un’altra, attribuita da Laurence Lessing che dice:

«Una cultura libera è priva di proprietà, non è una cultura in cui gli artisti non vengono ricompensati.
Una cultura senza proprietà, in cui i creatori non ricevono un compenso, è anarchia, non libertà. E io non intendo promuovere l’anarchia».

Entrambe le affermazioni riconducono alla creazione di un piano editoriale e all’organizzazione delle fonti perché, giustamente non si può pretendere di inventarsi di sana pianta un contenuto. Se non sai di che cosa parli non puoi neanche scriverne e viene meno l’obiettivo di comunicare conoscenza.

Potrei continuare per ore a riflettere su tutte le frasi e gli intenti di Fare blogging ma così ti toglierei il gusto della lettura e poi, non vorrei contribuire ad alimentare l’anarchia cognitiva.

  • Gli interventi di altri bloggers in Keep Calm and Write non vi erano, in Fare blogging sì.

Nelle edizioni di Flaccovio è ormai diventata pratica comune dar voce ad altri professionisti del web ed è il lato che mi piace di più. Questo perché permette al lettore di ragionare su più livelli e agli autori non solo di condividere la propria conoscenza ma anche di cooperare affinché la condivisione stessa e l’apprendimento siano quanto più completi possibili. È curioso che sull’argomento mi sono trovata ad adottare e salvare un bel post di Ludovica De Luca su Blogging: come si crea una strategia. L’ho anche citata in Pensieri alla rinfusa su libri, anima e colori perché adoro il suo modo di scrivere e di porsi. È schematica, essenziale ma mai noiosa e sono stata molto contenta di trovarla nelle pagine di Riccardo Esposito.

Un altro intervento interessante è quello di di Beatrice Niciarelli, co-fondatrice assieme a Davide De Maestri di WebHouse, intitolato Raccontare attraverso il blog: lo storytelling e la scrittura narrativa. Qui ho avuto un assaggio di quanto sia vasto il campo nella quale vorrei lavorare e di quanta formazione sia necessaria per mettere le parole in fila facendo in modo che abbiano un senso e che generino emozioni.

  • Infine, in Fare blogging sono presenti dei tips riassuntivi. Precedono tutti i capitoli e riassumono i poche parole gli argomenti trattati. Potrebbero benissimo essere utilizzati come memorandum da portare sempre con sé. Magari sotto forma di biglietti da visita o, alla maniera di Raymond Carver come schede 6×12 da estrarre ogni volta che si ha qualche dubbio.

Tu che ne dici?

A proposito, ecco dati del libro che puoi trovare anche su Amazon:

Autore: Riccardo Esposito
Titolo: Fare blogging. Il mio metodo per scrivere contenuti vincenti
Casa Editrice: Flaccovio Editore
Collana: Web Book
Pagine: 168
Anno di pubblicazione: aprile 2015
Prezzo di copertina: € 18

You Might Also Like

18 Comments

  • Reply Dal blog alla pagina Facebook: una serie di eventi social | paroleombra 24 luglio 2015 at 10:58

    […] Quando ho aperto paroleombra non avevo in mente degli obiettivi precisi. L’unica cosa che sapevo è che volevo parlar di libri e, attraverso essi, esercitarmi nella scrittura. Sono state le conversazioni scaturite con altri bloggers e che hanno portato all’hashtag, del quale ne parlerò approfonditamente mercoledì, a dare il via a quello che Riccardo Esposito chiama calendario editoriale. […]

  • Reply Citazioni: la sintesi di un’emozione, di un pensiero | paroleombra 31 luglio 2015 at 8:31

    […] ed è probabile che vi ritornerò sopra per aiutarmi ad esprimere un concetto, come consiglia Riccardo Esposito. Ma l’idea di aver commesso un furto, seppure in buona fede, mi […]

  • Reply Ho un calo di visite al blog, come risolvo? | paroleombra 23 ottobre 2015 at 8:32

    […] pensiero. Sufficiente per farmi continuare a scrivere e a cercare di arricchire sempre più il mio calendario editoriale e cercare temi e spunti di […]

  • Reply Web writing: leggere i libri di Luisa Carrada | paroleombra 26 ottobre 2015 at 8:41

    […] Riccardo Esposito, blogger del quale ho letto Keep Calm And Write e Fare blogging, Luisa Carrada fa abbondante uso di citazioni per approfondire un argomento e per fare in modo che […]

  • Reply In bilico tra tempo connesso e tempo disconnesso | paroleombra 11 dicembre 2015 at 8:37

    […] si salva nessuno, nemmeno io che, nella mia ansia di rispettare un ideale calendario editoriale (peraltro molto blando, visto che non pubblico più di 3/4 post a settimana) ho più volte avuto […]

  • Reply Paroleombra ha compiuto un anno! E ora? – paroleombra 9 marzo 2016 at 8:32

    […] il blocco creativo (è sempre dietro l’angolo) l’ansia di non riuscire a rispettare il calendario editoriale che avevo buttato giù, il crollo delle visite, i refusi passati inosservati e poi corretti in un […]

  • Reply Chi non ha fretta, va lontano (e il lavoratore resta sano) – paroleombra 11 luglio 2016 at 7:38

    […] un blogger consiglia a un cliente di definire un calendario editoriale con le suddette indicazioni e di preparare i contenuti prima di andare online, sarebbe carino […]

  • Reply Pagine al blog: la differenza tra chi sono e cosa faccio – paroleombra 26 settembre 2016 at 7:30

    […] in base ad una strategia messa a tavolino prima di scegliere il tema, la piattaforma, il calendario editoriale. Se mi trovo a scriverlo ora è perché è solo dopo aver creato la pagina Cosa faccio che ho avuto […]

  • Reply Comunicazione, cultura o informazione? Sfumature d’ignoranza – paroleombra 7 novembre 2016 at 9:30

    […] ho iniziato a curare questo luogo virtuale, Keep Calm and Write e Fare blogging sono dei libri che ho letto con estrema curiosità e voglia d’imparare. Mi manca ancora Etno […]

  • Reply Buoni e nuovi: i propositi di un blog – paroleombra 27 dicembre 2016 at 7:36

    […] professionale e, di conseguenza, monetizzabile. Questo non vuol dire che non abbia mai avuto un calendario editoriale da seguire ma l’ho sempre vissuto in modo molto elastico, senza farmi troppo condizionare da […]

  • Reply Comunicazione, cultura o informazione? Sfumature d'ignoranza – ParoleOmbra 30 marzo 2017 at 18:31

    […] ho iniziato a curare questo luogo virtuale, Keep Calm and Write e Fare blogging sono dei libri che ho letto con estrema curiosità e voglia d’imparare. Mi manca ancora Etno […]

  • Reply Pagine al blog: la differenza tra chi sono e cosa faccio – ParoleOmbra 31 marzo 2017 at 11:36

    […] in base ad una strategia messa a tavolino prima di scegliere il tema, la piattaforma, il calendario editoriale. Se mi trovo a scriverlo ora è perché è solo dopo aver creato la pagina Cosa faccio che ho avuto […]

  • Reply In bilico tra tempo connesso e tempo disconnesso – ParoleOmbra 4 aprile 2017 at 11:22

    […] si salva nessuno, nemmeno io che, nella mia ansia di rispettare un ideale calendario editoriale (peraltro molto blando, visto che non pubblico più di 3/4 post a settimana) ho più volte avuto […]

  • Reply Web writing: leggere i libri di Luisa Carrada – ParoleOmbra 5 aprile 2017 at 22:01

    […] Riccardo Esposito, blogger del quale ho letto Keep Calm And Write e Fare blogging, Luisa Carrada fa abbondante uso di citazioni per approfondire un argomento e per fare in modo che […]

  • Reply Ho un calo di visite al blog, come risolvo? – ParoleOmbra 5 aprile 2017 at 22:06

    […] pensiero. Sufficiente per farmi continuare a scrivere e a cercare di arricchire sempre più il mio calendario editoriale e cercare temi e spunti di […]

  • Reply Citazioni: la sintesi di un'emozione, di un pensiero – ParoleOmbra 10 aprile 2017 at 20:29

    […] ed è probabile che vi ritornerò sopra per aiutarmi ad esprimere un concetto, come consiglia Riccardo Esposito. Ma l’idea di aver commesso un furto, seppure in buona fede, mi […]

  • Reply Dal blog alla pagina Facebook: una serie di eventi social – ParoleOmbra 12 aprile 2017 at 14:36

    […] Quando ho aperto questo blog non avevo in mente degli obiettivi precisi. L’unica cosa che sapevo è che volevo parlar di libri e, attraverso essi, esercitarmi nella scrittura. Sono state le conversazioni scaturite con altri bloggers e che hanno portato all’hashtag, del quale ne parlerò approfonditamente mercoledì, a dare il via a quello che Riccardo Esposito chiama calendario editoriale. […]

  • Reply Cultura e informazione sono la stessa cosa o sono sfumature d'ignoranza? 18 agosto 2017 at 23:11

    […] ho iniziato a curare questo luogo virtuale, Keep Calm and Write e Fare blogging sono dei libri che ho letto con estrema curiosità e voglia d’imparare. Mi manca ancora Etno […]

  • Leave a Reply

    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: