Interviste libri Recensioni

Leggere Keep Calm And Write di Riccardo Esposito: impressioni, domande e risposte

18 maggio 2015
Keep Calm And Write: recensione e intervista a Riccardo Esposito

Prima di aprire questo blog ho cercato di documentarmi, di leggere qualcosa che mi aiutasse sul web writing e sulla scrittura in generale. Keep Calm And Write di Riccardo Esposito è stato tra i primi testi ad attirare la mia attenzione. 

Da tempo avevo programmato di parlare di questo libro e nel rispetto di quanto ho letto, volevo darti di più e quindi, ho chiesto.


Keep-Calm-And-Write-My-Social-Web-autore-Riccardo-Esposito

Keep Calm And Write: impressioni, domande e risposte

Quando devo scrivere o vivere una nuova esperienza, in testa mi ronzano una miriade di domande. Per zittirle, mi immergo in un libro. In cerca di risposte e Keep Calm And Write di Riccardo Esposito in questo mi ha aiutato. In un certo senso, mi ha convinta a scrivere per il web, a scrivere per te. La mia parte preferita? Il titolo perché soddisfa una necessità emotiva, pratica e mentale. Già dalla copertina l’autore ti invita a calmarti e a scrivere. Nel frattempo ti segnala anche 7 riflessioni per far crescere il tuo blog.

Non promette il successo ma, anzi,  sembra che ti auguri il fallimento e, paradossalmente, l’autore mantiene le promesse del titolo.  Una volta messo in chiaro questo, il fondatore di My Social Web parla di evoluzione, interazione e conoscenza, principi cardine di un blog e fornisce gli strumenti base con i quali raggiungere gli obiettivi posti. Questi ultimi non si realizzano da soli, ma sono il risultato di un percorso accidentato. Sta all’aspirante scrittore, blogger o web writer non rinunciare e rendersi conto che è proprio sbagliando che si impara. Non si può avere tutto e subito ma bisogna anche dare, ricevere e ricambiare.

È su queste basi che ho rivolto alcune domande all’autore di Keep Calm And Write. Ti faccio leggere subito la nostra conversazione, così poi hai la possibilità di dirmi cosa ne pensi:

Già nell’introduzione metti ben in chiaro che l’e-book parte da un fallimento (presumo personale) quale? E dove hai trovato il motivo per continuare?

Il fallimento che descrivo su Keep Calm And Write è idealtipico, nel senso che nel mondo del blogging puoi sempre fallire. Non esiste il progetto privo di fallimenti, perché vuol dire che ti sei adattato. O peggio, ti sei accontentato. Non è questo il modo giusto di fare blogging, devi puntare verso una sfida costante dei tuoi limiti. E questo porta al fallimento. Continuare vuol dire prendere il fallimento come parte integrante della propria attività, quindi è nell’ordine delle cose.

Blocco dello scrittore. Io mi trovo spesso ad avere troppi pensieri da buttare giù su carta/pc. Faccio come consigli, metto per iscritto tutto ma poi, in fase di revisione e rilettura, non mi sento convinta. E invio tutto a una persona esterna, chiedo consiglio prima della pubblicazione: sbaglio?

Il confronto con gli altri è importante, ti permette di crescere e di smuovere il testo con idee nuove. Ma ti lascio un consiglio: a un certo punto devi andare, non puoi permettere al tuo testo di rimanere in un continuo tentativo di migliorare. Non raggiungerai mai la perfezione semplicemente perché non esiste. Quindi devi pubblicare, devi consegnare il tuo testo. E devi affrontare il rischio di sbagliare. Spesso non si pubblica per evitare l’errore, e questo è sbagliato.

Sono rimasta spiazzata quando hai commentato il mio post Ho scelto di scrivere, ma perché? Ero tentata di chiederti le potenzialità e i punti deboli di paroleombra.com Un’analisi che mi sia da punto di riferimento.

Questo è un problema che devi risolvere in completa solitudine. Un consulente può indicarti la direzione, può consigliarti dei metodi per individuare la strada giusta, quella che ti permetterà di sviluppare gli argomenti che ti stanno a cuore. Però, ecco, nel tuo cuore tu hai massima giurisdizione. Quindi tu devi individuare la strada da seguire. Perché nel blogging se non c’è passione rischi di far saltare tutto. Un consiglio: usa le mappe mentali, metti al centro il tuo argomento e usa le ramificazioni per sviluppare gli argomenti.

Uso il servizio WordPress.com e ho avuto problemi nella condivisione su Facebook. Mi caricava un’immagine sbagliata anche se dopo aver eseguito il debug tramite un tool Facebook. Ho optato per la condivisione tramite Buffer ma ad alcuni lettori il post condiviso è risultato “allegato non disponibile”. Cosa mi suggeriresti di fare?

Servizio WordPress.com? Mi dispiace, lo sconsiglio. Io so che è comodo e permette a tutti di avere un blog accettabile, ma ti limita. Limita tanto. In una situazione diversa puoi intervenire lato codice, e quando capitano questi problemi io uso WordPress SEO di Yoast per caricare a parte l’immagine da far apparire su Facebook. Con WordPress.com tutto questo non funziona. Ecco perché io suggerisco questo: fai pratica quanto vuoi con WordPress,com, ma investi in un self hosted.

Ho letto che i tuoi canali social principali soni FB, TW e G+ però curi molto anche Instagram e Pinterest e scrivi tantissimo. Sei un supereroe?

No, mi sveglio presto la mattina. Sul serio. Alle sei sono già in piedi e alle sei e mezza mi metto all’opera. Questo mi permette di avere tanto tempo a disposizione per curare diverse attività social, per andare a mare d’estate e per scrivere contenuti extra. Il mio libro, Fare Blogging, è nato così: ho sfruttato ogni ora libera. Ed è per questo che mi fanno ridere le persone che dicono: “Se lavori tutto il giorno come fai a scrivere un libro”. Ci vuole sacrificio, devi sempre trovare il tempo per seguire le tue passioni. Devi togliere tempo al sonno e agli affetti, e alla fine il risultato arriva. Chi non capisce questo forse non ama fino in fondo il proprio lavoro.

Allora, che te ne pare di questa mini intervista? Tempo al sonno io lo tolgo volentieri (sono mesi che non riesco ad andare a dormire ad un orario decente) il problema è svegliarsi alle 6 di mattina. Sono fuori allenamento in questo senso ma la passione e la voglia di fare c’è, devo solo anticipare la sveglia di un’ora prima e non smettere di studiare. E di chiedere! 🙂

Non è finita! Oltre a rispondere alle mie domande e a fornirmi le immagini di questo post, Riccardo Esposito mi ha perfino segnalato un suo video, di appena 5 minuti, su come scrivere un e-book. Lo guardiamo?

You Might Also Like

9 Comments

  • Reply Salvatore Russo, George Clooney o Google Plus? | paroleombra 20 maggio 2015 at 8:48

    […] pari di Keep Calm And Write, anche Scopri Google Plus e conquista il web appartiene a quella categoria di libri che oserei dire […]

  • Reply Quando è tutto nero, cerca i colori | paroleombra 22 maggio 2015 at 13:04

    […] trasversalità e impegno sociale e, nel farlo c’è bisogno di costanza e determinazione come in Keep Calm and Write,la creatività, la voglia di ridere e di divertire dell’autore di Scopri Google Plus e conquista […]

  • Reply Fai di te stesso un brand, appunti di una lettrice ‘raffinata’ | paroleombra 25 maggio 2015 at 9:28

    […] Fai di te stesso un brand, Riccardo Scandellari non ha dato risposta perché, come dice anche Riccardo Esposito, che sia la stesura di un post o la definizione della propria identità online, questo processo […]

  • Reply Rischi e opportunità del web 3.0, non è fantascienza | paroleombra 27 maggio 2015 at 11:28

    […] che lo compongono per poi procedere con Fai di te stesso un brand di Riccardo Scandellari e Keep Calm and Write di Riccardo Esposito. Scopri Google Plus di Salvatore Russo doveva essere l’ultimo, per […]

  • Reply Fare blogging: guida al calendario editoriale di Riccardo Esposito | paroleombra 20 luglio 2015 at 9:42

    […] aiutarmi, ho riletto la recensione che feci di Keep Calm and Write e, ripensando a uno dei giochi proposti dalla settimana enigmistica, l’ho confrontato con Fare […]

  • Reply Web writing: leggere i libri di Luisa Carrada | paroleombra 26 ottobre 2015 at 8:41

    […] Riccardo Esposito, blogger del quale ho letto Keep Calm And Write e Fare blogging, Luisa Carrada fa abbondante uso di citazioni per approfondire un argomento e per […]

  • Reply Comunicazione, cultura o informazione? Sfumature d’ignoranza – paroleombra 7 novembre 2016 at 9:30

    […] ho iniziato a curare questo luogo virtuale, Keep Calm and Write e Fare blogging sono dei libri che ho letto con estrema curiosità e voglia d’imparare. Mi manca […]

  • Reply Web writing e libri: per imparare a scrivere per lavoro – ParoleOmbra 5 maggio 2017 at 7:02

    […] Keep Calm and Write di Riccardo Esposito: impressioni, domande e […]

  • Reply Curriculum Del Lettore di Riccardo Esposito: blogger di My Social Web 23 agosto 2017 at 12:28

    […] a bestia? Sì, l’ho fatto! Troverai questa dicitura anche nel primo libro del mio ospite, Keep Calm And Write e, non riesce a uscirmi di testa perché è partendo dai contenuti di Riccardo Esposito che ho […]

  • Leave a Reply

    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: